Spazzolino elettrico denti: quale scegliere

 

Per avere una bocca pulita e sana bisogna partire da una corretta igiene orale, scegliendo lo strumento più adatto alle nostre esigenze. Il dilemma di tutti è la scelta tra spazzolino manuale e elettrico.
Entrambi hanno dei pro e contro, l’importante è usarli con cura.
C’è da dire però che lo spazzolino elettrico rimuove il 97% di placca batterica e riesce a raggiungere anche le zone più difficili.
Vediamo delle dritte per capire quale scegliere.

Tipi di spazzolino elettrico

Scegliere lo spazzolino giusto non è mai facile, soprattutto se si tratta di quello elettrico. La spesa è maggiore e dunque non si vuole cadere in errori.
Oggi vengono utilizzati prevalentemente gli spazzolini a batteria ricaricabile e con testina intercambiabile.
A seconda della tecnologia utilizzata possiamo distinguere:

  • Tecnologia sonica (come quelli della Philips) che combina circa 31000 movimenti di spazzolamento al minuto con le setole della testina che si spostano dalla parte anteriore a quella posteriore imitando il movimento naturale dello spazzolino;
  • Tecnologia multidimensionale 3D (come quelli dell’Oral-B) che associa al movimento rotatorio anche pulsazioni e oscillazioni;
  • Tecnologia ultrasonica (come quelli di Waterpick) utilizza delle micro-vibrazioni in grado di eliminare la parete cellulare dei batteri e della placca

Benefici dello spazzolino elettrico

Lo spazzolino elettrico fa la sua comparsa per la prima volta nel 1954 in Svizzera ad opera di Philippe-Guy Woog. Nel corso degli anni sia l’estetica che le funzioni sono evolute permettendo di creare uno strumento di spazzolamento sempre più efficace per la pulizia dentale.
Attraverso lo spazzolino elettrico è possibile migliorare la salute della bocca e dei denti, raggiungendo anche zone che vengono trascurate durante il classico spazzolamento manuale.

Nel nostro articolo abbiamo parlato dei principali vantaggi dello spazzolino elettrico rispetto a quello tradizionale, scoprili qui.

Come usarlo correttamente

Generalmente per una perfetta pulizia si consiglia di lavare i denti per 2 minuti. Alcuni spazzolini elettrici possiedono un segnale acustico che avvisa ogni 30 secondi di cambiare zona e allo scadere dei 2 minuti invia un nuovo segnale.

Per ottenere i migliori risultati si consiglia di unire all’uso dello spazzolino elettrico anche un buon dentifricio.

Prima di acquistare uno spazzolino elettrico è bene accertarsi delle sue prestazioni. In particolare consigliamo di valutare le varie modalità di pulizia disponibili (soprattutto per chi ha le gengive particolarmente sensibili):

  • pulizia quotidiana
  • protezione gengive
  • modalità sbiancamento
  • pulizia lingua

—> Potrebbe interessarti anche: “Igiene orale: ecco gli errori più comuni

Idropulsore

L’idropulsore è una nuova tecnologia utilizzata come supporto per la pulizia domestica dei denti. Grazie al suo getto pulsante che agisce tra un dente e l’altro e sul bordo gengivale, sarà possibile rinfrescare, pulire e massaggiare denti e gengive. All’azione dell’idropulsore andrà accompagnato l’utilizzo di spazzolino e filo interdentale.

Fissa un appuntamento