Malattie gengivali

La gengiva è un tessuto di tipo molle che insieme alla parte ossea, protegge e sostiene i denti e va a formare le due arcate dentarie: arcata superiore e arcata inferiore..
Le gengive possono essere soggette a diverse patologie che possono insorgere sia negli uomini che nelle donne e a qualsiasi età.
La causa più comune è: la scarsa igiene orale.

Ma come riconoscere i primi sintomi?
Generalmente un’infiammazione delle gengive comporta:

  • gengive gonfie e arrossate
  • recessione gengivale
  • sanguinamento del colletto gengivale durante la pulizia orale
  • denti traballanti
  • eccessiva sensibilità dentale
  • ascesso gengivale
  • alitosi

–> Potrebbe interessarti anche: “6 miti sull’infezione gengivale

Quali sono le malattie gengivali più diffuse?

All’interno del cavo orale, tra le patologie gengivali più comuni abbiamo sicuramente:

  • Gengivite
  • Malattia parodontale
  • Iperplasia gengivale

Gengivite

La gengivite è il primo stadio di malattia gengivale.
Si tratta della più comune infiammazione delle gengive, la cui causa è l’accumulo di batteri alla base dei denti.
Il primo segnale della gengivite è il sanguinamento delle gengive accompagnato da dolore durante la masticazione.

Cura

Per curarla basterà sottoporsi a un trattamento di igiene professionale che possa eliminare gli accumuli di tartaro presenti anche sotto il solco gengivale.
Se trascurata la gengivite potrebbe evolversi in parodontite, una malattia che può portare anche alla perdita permanente dei denti.

Malattia parodontale

La parodontite è la malattia cronica che colpisce il parodonto, ovvero l’apparato di sostegno del dente. La causa principale è l’accumulo di placca batterica fino all’insorgenza del tartaro al di sopra e al di sotto del bordo gengivale, portando danni all’osso e agli altri tessuti. Questo comporta la separazione delle gengive dai denti creando tasche in cui si sviluppano placca e infezioni. Man mano la situazione peggiora fino all’erodersi dell’osso.

Cura

La Parodontite, detta anche piorrea, può essere trattata con sedute ricorrenti di igiene orale professionale associate a levigature radicolari e buone abitudini di igiene domiciliare.

Iperplasia gengivale

L’iperplasia gengivale è un processo che comporta un aumento di massa e volume dei tessuti gengivali, generando fastidio e dolore.
Può insorgere senza infiammazione a causa di alcuni farmaci (come antiepilettici, immunodepressori e calcio antagonisti) che, interagendo con le cellule del tessuto gengivale, contribuiscono a cambiarne lo status quo.

Cura

Quando i disturbi hanno un’intensità lieve, l’iperplasia può essere facilmente curata con una terapia specifica. Nelle forme più gravi potrebbe essere richiesto un intervento chirurgico.

Per prevenire i problemi gengivali è essenziale effettuare controlli periodici dal dentista, mantenere uno stile di vita sano e praticare un’appropriata igiene orale dei denti attraverso un corretto spazzolamento e l’utilizzo del filo interdentale.

Contatta il Pronto Soccorso Dentistico