bonding-dentale

Cos’è il Bonding dentale?

Il Bonding dentale è una tecnica molto utilizzata nell’ambito dell’odontoiatria estetica e consiste nell’applicazione di un composito in resina sulla superficie dello smalto e/o della dentina. Il materiale aderisce al dente (tecnica adesiva) e gli restituisce un aspetto sano e bello.

A cosa serve?

Il Bonding dentale viene utilizzato soprattutto per la sigillatura di solchi e per piccole otturazioni. È consigliato per leggere modifiche estetiche e per aree in cui c’è una bassa pressione del morso, come per i denti anteriori. Vediamo nel dettaglio in quali casi è utilizzato:

  • Per riparare i denti cariati (i compositi resinosi vengono utilizzati per riempire le carie)
  • Per riparare i denti rotti o scheggiati
  • Per migliorare l’aspetto dei denti scoloriti o coprire le macchie
  • Per chiudere piccoli spazi tra i denti (diastema)
  • Per allungare la superficie dentale
  • Per cambiare la forma dei denti
  • Come alternativa estetica all’amalgama
  • Per proteggere una parte della radice del dente che è stata esposta quando le gengive si sono ritirate

Come avviene l’intervento?

Come per la maggior parte dei trattamenti dentali per prima cosa viene effettuato un esame dello stato di salute dei denti, di solito attraverso un’ortopanoramica.

Il dentista utilizza un pantone per selezionare il colore del composito più simile al colore del dente su cui verrà effettuato l’intervento.

In seguito verrà applicato del mordenzante, una sostanza leggermente acida che provoca minuscole porosità sullo smalto dei denti e facilita l’adesione dei sigillanti.

A questo punto si procede a ricoprire l’elemento dentale con il composito a base di resina, il quale penetra nella struttura creata dal mordenzante e viene indurito attraverso una lampada speciale per aderire al dente. In questo modo l’area interessata viene sigillata e riempita in tutta la sua estensione, garantendo un risultato omogeneo.

A differenza delle faccette dentali, che sono fabbricate in un laboratorio e richiedono uno stampo personalizzato per ottenere un corretto adattamento, il bonding può essere effettuato in una sola seduta. Non è necessario quindi alcun intervento preparatorio e l’operazione dura in media dai 30 ai 60 minuti a dente.

tecnica-adesiva

Vantaggi

Tra i trattamenti dentali estetici si tratta di uno dei più facili e meno costosi. Rispetto agli altri rimedi come le faccette dentali o le otturazioni si tratta di un intervento meno invasivo: richiede infatti una minore rimozione dello smalto e il più delle volte non necessita di anestesia locale.

Rischi

I denti su cui viene effettuato il bonding dentale richiedono la stessa cura riservata ai denti naturali. Buone abitudini di igiene orale, come lavarsi i denti almeno 2 volte al giorno e utilizzare il filo interdentale per rimuovere i residui alimentari più insidiosi, sono richieste per garantire una durata ottimale.

Rispetto alle faccette in ceramica, il materiale usato per il rivestimento si può macchiare e scolorire con più facilità. Si tratta di un materiale poroso quindi sono da evitare un consumo eccessivo di tè, caffè, tabacco e altre sostanze che possono macchiare la resina. Inoltre è sconsigliabile mordere alimenti troppo duri o  “mangiarsi” le unghie.

Ha una durata che va in media dai 3 ai 7 anni, risultando quindi meno durevole di altre soluzioni di odontoiatria estetica.

Per qualsiasi domanda puoi contattarci al numero 06 5683647 o scriverci. Visita anche la sezione dedicata al nostro pronto soccorso dentistico a Ostia per le emergenze dentali che necessitano di una cura immediata.

Richiedi informazioni