Il trapano è sicuramente il più temuto, ma quali sono gli altri strumenti utilizzati dai professionisti dell’odontoiatria?

Gli strumenti utilizzati dal dentista sono sempre stati considerati dai pazienti come la principale fonte di ansia e di paura, rendendo l’appuntamento dal dentista come uno dei più temuti e, per questo, rimandato. Questa reazione, troppo spesso, è dettata dalla disinformazione e dalla non conoscenza degli strumenti odontoiatrici e dal loro specifico utilizzo.

Per migliorare la considerazione che il paziente ha del dentista abbiamo scelto di spiegare, nello specifico, gli strumenti che il dentista utilizza durante le sue visite all’interno del suo studio chiamato, nel settore, riunito odontoiatrico ovvero il terreno d’azione del dentista, quello in cui svolge la sua attività, ovvero tutto ciò che circonda la poltrona odontoiatrica.

Una prima distinzione degli strumenti odontoiatrici avviene a seconda del contesto assistenziale nel quale il paziente si trova.

Una prima distinzione necessaria è quella che ci permette di comprendere l’utilizzo di questi strumenti in base al loro uso, alla criticità della situazione ed al contesto in cui ci troviamo, per questo si distinguono gli strumenti monouso quali ad esempio aghi, guanti, gli aspirasaliva e bicchieri di plastica che diventano, dopo il loro unico utilizzo, dei rifiuti inetti e quelli riutilizzabili solo dopo una accurata sterilizzazione come le sonde parodontali, gli specilli e gli specchietti.

I notevoli progressi mettono a disposizione dei dentisti un notevole numero di soluzioni innovative che permettono di curare al meglio i propri pazienti, iniziamo a scoprire gli strumenti più utilizzati e conosciuti per comprendere tutte le azioni a cui è necessario sottoporsi comprendendo a cosa si va incontro.

  1. Specchietto: è quello più conosciuto, ha una impugnatura rotonda con uno specchio circolare nella sua parte finale, utilizzato per vedere le parti più nascoste della bocca, quelle dove si insinuano tartaro ed infiammazioni, inoltre viene utilizzato per illuminare la bocca del paziente facendo riflettere la luce della poltrona.specillo
  2. Specillo: è quello strumento in metallo con una forma sottile e allungata con due punte che permettono di esplorare l’interno della cavità orale, ma anche di modellare con precisione cera, argilla e altri manufatti protesici.
  3. Sonde parodontali: usate per diagnosticare le patologie del parodonto, è di acciaio inox, ha una impugnatura esagonale e la sua punta ha diversi segni che aiutano nella misurazione della perdita del tessuto osseo, aiutando lo specialista a valutare la gravità della parodontite.
  4. Pinza da estrazione: definita anche forcipe da estrazione è uno strumento con un becco capace di adattarsi, in maniera perfetta, attorno al dente da estrarre, i becchi possono essere di diverse tipologie a seconda del tipo di dente da tirare fuori.
  5. Trapano ortodontico: è lo strumento odontoiatrico più temuto e può essere diviso in due categorie: turbine che si muovono ad aria compressa e dei micromotori elettrici. Possono essere utilizzate per rimuovere il tessuto infetto.Lampada polimerizzatrice
  6. Lampada polimerizzatrice: è usata per agevolare il processo di indurimento di particolari materiali ortodontici di riempimento,  impiegati per l’otturazione e non solo. Questo processo di indurimento avviene grazie alla emissione di luce a Led.
  7. Laser: il laser può essere utilizzato per scopi terapeutici o a scopi diagnostici, per ricercare le zone poco mineralizzate del dente e quindi individuarle come più soggette ad attacchi batterici. Può inoltre essere anche utilizzato per incidere la gengiva o altre parti della bocca, i laser a diodi, inoltre, possono essere utilizzate per rimodellamenti estetici, rimozione delle tasche gengivali nelle terapie endodontiche e in molte altre forme.
  8. Curette: è una sorta di piccolo cucchiaio tagliente, con una punta sempre diversa, utilizzato dai dentisti per togliere il tartaro che si posiziona sul dente, serve quindi per pulire e raschiare la superficie dentale.

 

Con questi strumenti il dentista esplora le condizioni di salute del nostro cavo orale, sono considerati dei veri e propri alleati capaci di aiutare lo specialista a fare una diagnosi accurata e sonno molto importanti soprattutto nella prima fase della seduta: la prima visita dentistica. Per scoprire come i nostri dentisti utilizzano al meglio gli strumenti del mestiere vieni a trovarci nelle nostre cliniche odontoiatriche a Roma e Ostia.

Richiedi informazioni sui trattamenti