coronectomia roma

La Coronectomia è un trattamento odontoiatrico utilizzato per prevenire i danni al nervo alveolare inferiore durante l’estrazione dei denti del giudizio. Consiste nella rimozione della corona dentale ma non delle radici, evitando così ripercussioni dolorose ai nervi adiacenti. Questa tecnica è considerata da alcuni chirurghi orali come una valida alternativa alla tradizionale estrazione dei terzi molari inferiori in quanto più sicura.

Le complicazioni del nervo alveolare e linguale

Le radici dei terzi molari presenti nella parte inferiore della mascella spesso premono o avvolgono i nervi che forniscono sensibilità alla lingua, al labbro e al mento. Quando le radici sono vicine al nervo linguale o al nervo alveolare inferiore e viene effettuato un intervento chirurgico estrattivo, si corre il rischio di causare una perdita di sensibilità dell’area coinvolta: l’8% dei pazienti che si sono sottoposti all’operazione ha avuta una perdita temporanea, il 3,6% una perdita permanente.

I danni a questi nervi possono interferire con il modo di parlare, di mangiare e con la salute generale del corpo. In caso di traumi ci può essere per esempio una perdita nella capacità di percepire i sapori. Quindi, se dopo aver effettuato un’ortopanoramica il dentista determina che le radici dei denti del giudizio sono troppo vicine ai nervi, per evitare lesioni neurologiche può suggerire una Coronectomia come alternativa all’estrazione di un terzo molare inferiore tradizionale.

Come avviene l’intervento di Coronectomia?

Come già accennato, il trattamento comporta la rimozione della corone del dente, lasciando però intatte le radici. Sebbene le radici siano legate alla polpa dentaria, non è necessaria la sua rimozione (apicectomia) in quanto la Coronectomia consente una veloce guarigione della polpa, riduce notevolmente i rischi di incorrere in infezioni e quindi di doversi sottoporre a successive cure canalari. In sostanza si riesce quindi a estrarre il dente ma si riducono i rischi che ne derivano. Dopo l’operazione è comunque consigliato sottoporsi a controlli dentistici periodici.

Vantaggi e controindicazioni

Alcuni studi scientifici hanno evidenziato notevoli vantaggi per i pazienti con almeno 40 anni in quanto hanno un più alto rischio di subire danni ai nervi dentali. Mentre per quelli più giovani, i cui denti del giudizio non hanno ancora sviluppato in modo completo le radici, è consigliato sottoporsi alla classica avulsione dentale.

La Coronectomia non è consigliata nei seguenti casi:

  • Se il dente o la radice hanno un’infezione
  • Se il dente si muove o la sua radice tende a muoversi durante l’intervento
  • Se il dente è incluso orizzontalmente e tocca i nervi alveolari inferiori
  • Se il paziente è predisposto alle infezioni locali

Richiedi un’estrazione dentale